Golf 2017 – Il Primo Restyling Dell’Icona Tedesca

È ormai sulla bocca di tutti: la segmento C per eccellenza ha subito il primo restyling della sua lunga e premiata storia. Parliamo ovviamente di Golf.

Lo scorso novembre, tramite uno streaming sui social, Volkswagen ha rivelato al mondo la nuova forma della loro classica due volumi. Niente di rivoluzionario, intendiamoci: la Golf rimane lo stesso punto di riferimento di sempre. La più grande differenza sta nella sostanza. È ciò che c’è dentro che stupisce e, ancora una volta, fa scuola.

screenshot_20161110-124853
La presentazione dal mio smartphone.

Da una rapida occhiata, questo modello 2017 non si discosta quasi per nulla da quanto presentato dalla Casa tedesca nel 2012. Se si presta più attenzione ci si accorge dei nuovi gruppi ottici full led (disponibili solo negli allestimenti più accessoriati) caratterizzati da una nuova “firma” luminosa distintiva rispetto al modello precedente, nuovi paraurti, che le conferiscono un aspetto più dinamico e altri piccoli dettagli che costituiscono un aggiornamento del precedente modello. Nota negativa per l’aggiunta di orribili scarichi finti al paraurti posteriore.golf-rear

La vera sostanza, come dicevamo, è quella che si cela al di sotto di questo piccolo aggiornamento estetico. Prima di tutto, gli interni sono stati aggiornati alle nuove tendenze che vogliono la tecnologia protagonista assoluta. Golf 2017 è infatti dotata degli ultimi sistemi di infotainment. Il vecchio e tradizionale quadro degli strumenti adesso può essere sostituito da un moderno schermo lcd da ben 12 pollici che i tedeschi hanno chiamato Active Info Display (una versione semplificata di quello già introdotto da Audi). Al centro della plancia (con una spesa di ben 2000€) si può inserire un magnifico schermo in alta risoluzione da ben 9 pollici denominato Discover Pro che costituisce la vera punta di diamante per questa automobile. Esso, infatti, oltre a stupire per la risoluzione eccezionale, è dotato di un software eccezionale e totalmente personalizzabile che si adatta perfettamente con gli ecosistemi Apple e Android. La qualità dei materiali di plancia e sedili è, come sempre, ad alti livelli e trasmette la sensazione di essere su un’auto di segmento premium già dagli allestimenti base.

golf-2017Golf stupisce anche per le nuove motorizzazioni. Adesso la entry level è dotata di un nuovo motore 1.0 TSI alimentato a benzina da 85 CV, che di certo non brilla per spunto e per allungo, ma che garantisce prestazioni degne del nome della vettura. Anche il “classico” 1.6 TDI ha subito delle modifiche e si presenta adesso in due declinazioni: 90 e 115 CV. Piccole migliorie anche per il 2.0 TDI da 150 CV. La grande novità di quest’anno è il nuovo 1.5 TSI Evo che per VW costituisce un primo passo verso la fine del downsizing. Esso, inoltre, è dotato di un innovativo sistema di gestione attiva dei cilindri che, in alcune situazioni, ne disattiva la metà per ridurre i consumi del già astemio motore benzina da ben 150 CV. Stiamo parlando, forse, di una valida alternativa all’eccessiva cavalleria della versione GTI? Degna di nota, per chi vuole prestare attenzione anche a consumi e impatto ambientale, è la versione 1.4 TGI da 110 CV alimentata a metano.

La best seller tedesca, in questa nuova declinazione, arriverà nelle concessionarie italiane da marzo e, in tempi più maturi, verranno presentate anche le versioni GTI, GTD, R e la variante ibrida GTE. Si vocifera che per il mercato italiano la GTI sarà disponibile solo nella versione da 245 CV del Performance Pack.

Aumenta il listino prezzi, che parte da 20.150€ per la versione Trendline (base n.d.r.) con motore 1.0 TSI. Per averla con il motore TDI, invece, bisogna sborsare almeno 23.050€ per il 1.6 da 90 CV. Stesso prezzo per la Trendline bifuel a metano. Di pari passo aumenta anche la dotazione di base, questa volta decisamente più ricca. Si segnalano i 7 airbag, ESC con assistente di controsterzata e stabilizzazione del rimorchio, ABS, ASR, EDS, MSR, sistema frenata anti collisione multipla, Fatigue Detecion, gruppi ottici posteriori a LED, start/stop, Radio Composition Colour con Bluetooth e USB compatibile con Apple e specchietti retrovisori esterni regolabili e riscaldabili elettronicamente.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s